equitazione sentimentale            

BENVENUTO
CHI SIAMO
ASSOCIAZIONE
FORMAZIONE
CALENDARIO ATTIVITA'
IL GIORNALE
I LIBRI
LINKS

Le attività


CHI SIAMO?

S.I.A.E.C.
Società Italiana di Arte Equestre Classica 
  Dal 1998 attiva  nella diffusione
  della cultura equestre classica in difesa del benessere del cavallo
 


La nostra  storia:

 undici  anni di lavoro per diffondere la cultura del rispetto e  del benessere del cavallo

  Nel 1998 un gruppo di appassionati cavalieri cercavano la modalità per contribuire alla diffusione di una cultura che pochi anni di meccanizzazione avevano per varie motivazioni reso apparentemente obsoleta, una cultura che vedeva come risultato dell'addestramento non solo l'eleganza dei movimenti del cavallo, la sua più facile manovrabilità, la sua collaborazione, ma anche il miglioramento del suo stato fisico e psichico. Un cavallo sereno, forte, sano e sapiente.  E si sono posti una serie di obbiettivi

 Primo  obbietivo :  diffondere la cultura del rispetto, di un rapporto etico di cui il cavaliere deve farsi carico
 
Secondo obbiettivo: creare un ambito associativo che possa raccogliere tutti i cavalieri che condividono la necessità di questo rapporto etico tra cavaliere e cavallo, il cavallo non è una macchina usa e getta, nessuna coppa o medaglia può essere barattata con la salute ed il benessere del cavallo.

Terzo obbiettivo:  permettere l'accesso alla cultura del cavallo, a tutti quei testi che erano e sono irreperibili nel nostro paese, distrutti dal fai da te, dal fare senza sapere, "non leggere i libri che confondono le idee e non permettono di imparare la vera equitazione " questa la risposta più comune alle richieste dei cavalieri curiosi di capire il perchè del loro fare.

Quarto obbiettivo: studiare per far progredire l'equitazione, nelle modalità di insegnamento e di apprendimento per renderla adeguata ai tempi e agli obbiettivi dei cavalieri del duemila.
 Nacque così la "Società Italiana di Arte Equestre Classica",  una associazione senza scopo di lucro che in questi dieci anni è riuscita a mettere al centro del dibattito equestre  i propri fini ispirativi. Molti sono gli appassionati che hanno usufruito delle nostre edizioni, molti sono coloro che hanno frequentato i corsi; il benessere del cavallo è diventato un elemento perseguito ora da molte altre associazioni, la cultura del benessere ha fatto molti passi in avanti anche grazie ai nostri sforzi.   


"EQUITAZIONE SENTIMENTALE" il giornale  nato con l'associazione è stato uno strumento che ha permesso e permette di  scoprire  la  cultura dell'equitazione senza  essere spaventati dalla sua mole,  "cultura in pillole".
Dieci anni di lavoro hanno trasformato un piccolo giornale in una rivista trimestrale di alto profilo culturale e tecnico che è passata da 100 copie iniziali alle mille distribuite attualmente.
 

 

La nostra  visione


L'equitazione che proponiamo è fine a se stessa, ricerca l'intesa con il cavallo nel massimo rispetto della sua fisicità e della sua psiche rigettando in ogni modo una visione del cavallo come mezzo di autoaffermazione. In altri termini vogliamo costruire un rapporto etico con il cavallo, senza obiettivi epici o commerciali né coppe da conquistare.
A tal fine sono necessari cultura e comprensione, un obiettivo che non si può raggiungere nella sua completezza senza aver varcato la soglia della conoscenza fisica e psichica e per questo servono solide basi di neurologia, fisiatria e storia.
I corsi programmati dalla nostra associazione trovano adesioni sempre più numerose e i cavalieri che li frequentano asseriscono di avervi scoperto un mondo nuovo.
Qualcuno ci critica, altri ci aspettano alla 'prova finestra' del concorso, della gara, della competizione, non capiscono che siamo diretti verso una città diversa dalla loroe quindi usiamo metodi e modi diversi perché il nostro obiettivo è soltanto il benessere fisico
e psichico, del cavallo e del cavaliere ed a questo facciamo costantemente riferimento. Questo
obiettivo è di per sé soddisfacente e gratificante, senza bisogno di sfide per la propria affermazione e in questa città nuova, dove siamo diretti, si riesce con facilità a sostituire la parola "competizione" con "collaborazione" 
 
Immagini
Filmati

Regolamento
Elenco TEI
I centri MEI

Monvicino
Vacanze
Screensaver

Contatti




  SIAEC - Società Italiana di Arte Equestre Classica