equitazione sentimentale            


 Torna a GIORNALE

  
Articoli dal giornale

Equitazione Sentimentale

 
IL MANEGGIO DELLE GRANDI SCUDERIE DEL CASTELLO DI VERSAILLES


ACCADEMIA DELLO SPECTACOLO EQUESTRE
 Direzione Bartabas

L'Accademia dello Spettacolo Equestre, diretta da Bartabas  ha aperto le sue porte nel gennaio 2003 nelle Grandi Scuderie del castello di Versailles, dandosi questi obiettivi:
garantire la trasmissione di una "conoscenza equestre ed artistica"; organizzare una formazione superiore  per lo spettacolo equestre finalizzato a rappresentazioni pubbliche; permettere al grande pubblico di accedere alla parte più segreta degli spettacoli: il lavoro dei cavalli e dei cavalieri nel maneggio; offrire a Versailles una collaborazione artistica con spettacoli nel maneggio e  grandi
eventi nel castello.
la scuola di Versailles
 

 

L’installazione di un'Accademia dello spettacolo equestre nelle grandi scuderie presenta cinque vantaggi: d'ordine educativo (una lacuna è colmata in questa disciplina in pieno sviluppo) d'ordine artistico (la presenza di un grande creatore a Versailles) d'ordine storico (questi edifici storici sono restituiti alla loro primitiva vocazione: l'attività equestre) d'interesse pubblico (un nuovo spazio è offerto al grande pubblico) d'ordine economico (sfruttamento nuovo del potenziale turistico della località) d'ordine urbanistico (lo spazio è situato alla giunzione del castello e della città)

La necessità di trasmettere
Una delle questioni principali che si pongono da numerosi anni al fondatore del teatro equestre Zingaro è quella della trasmissione: da venti anni, Bartabas ed i suoi  hanno potuto verificare  quanto, anche in Francia, sia trascurato lo spettacolo equestre e quanto sia necessario garantire un iter di formativo, fissando un profilo pedagogico per l’ insegnamento dell'utilizzo del cavallo nello spettacolo.

Se la pratica dell'equitazione è considerevolmente evoluta da una trentina d'anni (non è più oggi appannaggio degli uomini e particolarmente dei soldati), la pedagogia dell'arte equestre in compenso non è evoluta in senso generale.

Considerando l'equitazione come un'arte, sembra normale che sia insegnata come altre arti  ed associata ad altre pratiche artistiche. Ma l'arte equestre non è soltanto metodica e meccanica, ed  è quindi sviluppando la sensibilità artistica dei cavalieri, che si potrà condurli allo spettacolo equestre totale.
l'armonia
 


Il confronto diretto degli allievi con l’esperienza tecnica ed artistica di Bartabas è uno degli elementi essenziali del progetto. Ricordiamo infatti che il suo lavoro, alla direzione di Zingaro, è giudicato ovunque in Europa e nel mondo come arte allo stesso tempo esigente e popolare, e si basa su un doppio movimento: quello ancestrale e paziente, che lo conduce a reinventare ogni giorno l’eterno cerchio della relazione tra uomo e  cavallo, e quello che lo spinge ad iscriversi nella “modernità” per dialogare con le arti d'oggi, che si tratti della musica, della danza, dell'architettura, della scultura, del cinema, del video.
 

Un grande creatore alla direzione artistica di una scuola è garanzia di mantenimento dell'insegnamento al massimo livello di possibilità e di  vitalità,  grazie al confronto permanente con un lavoro artistico in continuo sviluppo.
l'eleganza e la coreografia


Bartabas ha dunque proposto di incamminarsi in  un progetto di sviluppo per una scuola della “trasmissione” dell'arte equestre. Le circostanze offerte sono eccezionali: questa scuola infatti sarà  un collegamento tra la migliore  creazione contemporanea (Zingaro) e una delle più belle tradizioni equestri, la scuola di Versailles, e avverrà così un dialogo costante con uno dei patrimoni più prestigiosi dell'umanità.
Ma la trasmissione della conoscenza equestre si basa sulla relazione principale con l’ allievo e su quella del cavaliere  col suo cavallo. Non può esistere una formazione accelerata  per la tecnica equestre. Il controllo dell'arte equestre si acquisisce lentamente, alla velocità di un uomo e di un cavallo che (s') apprendono. Questo ritmo d'apprendistato determina il valore e la bellezza di questa trasmissione. Una scuola equestre di questa qualità  non può funzionare allo stesso ritmo e con lo stesso rendimento degli organismi di formazione abituali.
C'è una specificità nell'apprendistato dello spettacolo equestre che non soltanto deve essere riconosciuta e rispettata per ciò che è, ma  anche perchè deve raccontare qualcosa della storia degli uomini e della comunicazione delle loro conoscenze, ed è certamente questo uno dei messaggi di Bartabas.
Una scuola equestre può avere l'ambizione di essere una scuola diversa "dove reinventare l'insegnamento".


 Torna a GIORNALE


  SIAEC - Società Italiana di Arte Equestre Classica