equitazione sentimentale




Torna a Libri

sfondo
Torna a Libri



PREFAZIONE

Questo libro è stato il primo di molti che negli anni abbiamo tradotto e pubblicato sotto l'egida della Società Italiana di Arte Equestre Classica. Abbiamo incominciato quasi per gioco, spinti dalla passione per i cavalli e dalla necessità di diffondere nel nostro paese parte di quel sapere di cui altrove si fa tesoro. Eravamo convinti, come lo siamo ancora, che non ci sia futuro per l'Equitazione con la E maiuscola, quella rispettosa dell'integrità fisica e psichica del cavallo, senza una riappropriazione di quella cultura classica che è stata gettata, per così dire, alle ortiche da un'ignoranza osannata e sviluppatasi in periodi in cui i libri erano più usati per accendere falò che per essere letti..

Quando decisi di pubblicare la prima edizione di questa raccolta lo feci, devo ammetterlo, con ingenuità. Fu una decisione presa due mesi prima della Fiera di Verona, grazie all'amicizia di alcune persone che si offrirono per le traduzioni, pensando che per "fare” un buon libro fosse sufficiente la conoscenza della lingua in cui erano editi i testi, il francese. Ci siamo sbagliati, mi sono sbagliato. Errore in cui altre case editrici, certamente con maggiore esperienza della nostra, incorrono nella pubblicazione di testi anche di grande rilevanza. Abbiamo capito chiaramente che non è sufficiente una discreta conoscenza della lingua per tradurre un testo di equitazione. Ancor oggi, in ogni caso, ringrazio chi allora, con buona volontà e gratuitamente, si prestò in quell'affannosa e travagliata pubblicazione.

Da quell'errore, che fu oggetto di scherno ed ancora adesso viene usato strumentalmente per screditare tutto il nostro lavoro successivo, abbiamo imparato molto. La serietà nell'approfondimento della conoscenza della lingua, ed in particolare della terminologia equestre, anche di quella ormai desueta, con cui si propone la traduttrice ufficiale dell'Associazione, insieme ad uno studio a tutto campo dell'autore specifico, ci hanno consentito di pubblicare in successione le opere che abbiamo considerato fondamentali per una cultura equestre di base: De La Guérinière, Baucher, Steinbrecht, Plinzner, Oliveira.

Per questa attività, che ha prodotto undici testi in sette anni, abbiamo ricevuto non solo il plauso di illustri cavalieri italiani, dotti conoscitori della cultura classica, ma anche quello della più alta autorità equestre d'oltralpe: l'Ecole Nationale d'Equitation di Saumur che ha ufficialmente invitato la nostra Associazione a partecipare con una relazione al Colloquio Internazionale 2002 sull'Equitazione Classica, quale conferma di una stima conquistata sul campo.

A questo punto del nostro percorso abbiamo ritenuto necessario editare nuovamente questo libro, riveduto e corretto, nonché ampliato con scritti di ulteriori cavalieri, per pagare un debito contratto con la loro memoria.

Giancarlo Mazzoleni





  SIAEC - Società Italiana di Arte Equestre Classica